venerdì 24 febbraio 2017

Omaggio a Sergio Leone con la chitarra di Mauro Campobasso ed il sassofono di Mauro Manzoni per la Camerata Musicale Barese il prossimo 28 febbraio.


Mauro Campobasso e Mauro Manzoni   porteranno in scena al Teatro Showville il prossimo 28 febbraio “Duck You, sucker: a Jazz Homage  To Sergio Leone”.
Sarà un concerto del tutto inedito,   tra musica e proiezione sul grande schermo, un concerto di straordinaria novità per la stagione della Camerata Musicale Barese.
La chitarra di Mauro Campobasso, il sassofono di Mauro Manzoni, le voci di Gaia Mattiuzzi e Federica Orlandini, completati dal basso di Stefano Dallaporta e dalla batteria di Walter Paoli, con la proiezione di sequenze e immagini di film di Sergio Leone, in diretta connessione con le colonne sonore di Morricone, esploreranno  l’epopea cinematografica del west e il mondo dei gangster.
Scopo di Campobasso e Manzoni è   quello di fondere l’arte del regista e del musicista per creare un nuovo racconto. Così nuove musiche, improvvisazioni, composizioni jazz e contemporanee dialogano con le musiche originali di Morricone, dando vita ad un racconto musicale ricco di contrasti e suggestioni.
Il jazz talvolta sembra una traduzione in musica del linguaggio dei pistoleri e dei gangster: basti pensare ai precari equilibri di una jam session con duelli tra sassofonisti e tra batteristi, vere e proprie battaglie musicali, in cui il fraseggio sincopato regna nervoso e sovrano.
L’obiettivo è raccontare il lirismo del western, la poesia e la violenza della New York dei ruggenti anni venti, attraverso uno stile musicale ricco di contrasti, ma sempre collegato alla narrazione visiva, in modo che lo spettatore possa fruirne in maniera sempre differente.
Inizio del concerto ore 20.45. Anche per questo appuntamento  è  valida la formula “A  Teatro con Mamma e Papà”, riservata ai ragazzi e ragazze fino a 15 anni, con un costo del biglietto di soli 12 euro.
Per informazioni e prenotazioni gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908, sul sito www.cameratamusicalebarese.it e presso il  Box Office c/o La Feltrinelli.

Il concerto n.1 per pianoforte e orchestra di Brahms con il direttore Luigi Piovano ed il pianista Pietro De Maria insieme all'Orchestra ICO della Magna Grecia a Matera il prossimo 26 febbraio.


Raramente nella storia della musica la composizione di un brano è stata più lunga e tormentata del Concerto n. 1 in re minore per pianoforte e orchestra, op. 15 di Johannes Brahms.
Il compositore tedesco iniziò la sua scrittura come sinfonia nel 1852, ma due anni più tardi prima decise di trasformare il progetto originario in una Sonata per due pianoforti, e poi in un concerto per pianoforte e orchestra. Per altri quattro anni Brahms continuò, tra mille dubbi e rimaneggiamenti, a lavorare su questa partitura tribolata, fino a giungere, nel gennaio del 1859, alla prima esecuzione che fu un fiasco totale. L’insuccesso convinse il compositore a rimettere mano alla partitura che, nella sua forma definitiva, giungerà alla definitiva consacrazione solo una decina di anni più tardi. 
A questo capolavoro è dedicato “Tchaikovsky Brahms”, il prossimo appuntamento della stagione “XV Matera in Musica” di Festival Duni e della Istituzione Concertistico Orchestrale “Magna Grecia”, un concerto compreso in un progetto pluriennale che vede l’Orchestra ICO “Magna Grecia”, diretta da Luigi Piovano, il suo Direttore Musicale, impegnata nella esecuzione “integrale” delle sinfonie e dei concerti di questi due grandi compositori. 
Solista nell’esecuzione di questo capolavoro sarà il pianista Pietro De Maria, una solida realtà del concertismo internazionale che torna così a suonare con l’Orchestra ICO “Magna Grecia”. Fin da giovane Pietro De Maria si è segnalato vincendo, già nel 1990, il Premio della Critica al Concorso Tchaikovsky di Mosca e il Primo Premio al Concorso Internazionale Dino Ciani di Milano, e poi quattro anni più tardi il Géza Anda di Zurigo. Da allora alterna la carriera di docente in importanti istituzioni musicali a quella discografica e concertistica con un repertorio che spazia da Bach a Ligeti, tra l’altro è stato il primo pianista italiano ad eseguire pubblicamente l’integrale delle opere di Chopin in sei concerti incisi su CD dalla prestigiosa etichetta “Decca”. 
Nella seconda parte del concerto sarà eseguita la Sinfonia n.4 in Fa minore del compositore russo Pyotr Ilyich Tchaikovsky, una partitura di rara bellezza caratterizzata, come sottolineò lo stesso compositore in una lettera alla mecenate Nadežda von Meck alla quale dedicò l’opera, da riferimenti autobiografici, di simbolismi fatali e di spunti interpretativi in parte anche contraddittori.
La Sinfonia sarà eseguita dall’Orchestra ICO “Magna Grecia”, diretta dalla “bacchetta” di Luigi Piovano, il suo Direttore musicale: “primo violoncello” dell’Orchestra di Santa Cecilia di Roma, da alcuni anni questo musicista si è imposto sulla scena internazionale come sensibile e raffinato direttore d’orchestra. 
“Tchaikovsky Brahms” con Pietro de Maria e l’Orchestra ICO “Magna Grecia” diretti da Luigi Piovano, concerto della stagione XV “Matera in Musica” 2016-2017 di Festival Duni e ICO “Magna Grecia”, si terrà domenica prossima, 26 febbraio, (ingresso ore 20.30 - start ore 21.00), all’Auditorium Gervasio di Matera.
Biglietti a € 15 al botteghino, + € 1 di eventuale prevendita: per info e prevendita rivolgersi a Matera direttamente presso Orchestra della Magna Grecia, in via De Viti De Marco n. 13 (tel. 0835.1973420 –info.ensemblegabrieli@gmail.com) o presso la Cartolibreria Montemurro, in via delle Beccherie n.69 (0835.333411), o sul web su www.biglietto.it. 
È confermata anche quest’anno la partnership culturale e sociale di Ubi Banca Carime, che rinsalda il suo sostegno convinto per corroborare sul territorio la funzione di una economia integrata al fine di garantire responsabilmente un’alta qualità della vita; main sponsor sono Grieco Collezioni Uomo Donna Matera, BAWER, EcoWash, Italcementi Group e Concessionaria Peugeot Lions Service a Matera. Partner istituzionali sono Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e Turismo, Comune di Matera, Regione Basilicata, UNESCO, FESR Basilicata, Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Partner tecnico è Provinciali Service audio video luci.

giovedì 23 febbraio 2017

Il prossimo 26 febbraio nella Sala Athenaeum di Batletta si terrà il secondo appuntamento con L'Artium Duo di Cosimo Spinelli (clarinetto) e della chitarra di Maria Ivana Oliva


Continua la XVIII Stagione Artistica dell'Associazione Artistico - Culturale Athenaeum.
Dopo il grandissimo successo del duo argentino sax - pianoforte Morales - Usciatti, il secondo appuntamento, domenica 26 Febbraio, come sempre nella splendida cornice della Sala Athenaeum in via Madonna degli Angeli 29, vedrà un concerto di una compagine pugliese, l'Artium Duo, con Cosimo Spinelli al clarinetto e la chitarrista Maria Ivana Oliva, con un programma che unisce tradizione e sperimentazione, con tutte musiche di grandissimo impatto e gradimento, partendo dalle sempre amatissime fantasie e variazioni su celebri temi d'opera per arrivare a composizioni originali espressamente composte per il Duo e di grande piacevolezza.
Ingresso 10 euro (ridotto per studenti e over 65, 5 euro)
Sala Athenaeum, via Madonna degli Angeli 29, Barletta.
Info al 3200574367, 0883348748, 3475268767.

Il grande pianista Ivo Pogorelich terrà un recital a Milano per la Vidas.


Il virtuoso pianista croato sostiene l'Associazione milanese - che in 35 anni ha garantito assistenza sociosanitaria completa e gratuita a 32mila malati terminali - con un programma che abbraccia la vastità della musica classica e moderna:

Frédéric Chopin (1810-1849)
Ballade n°2 in F Major op. 38
Scherzo n°3 in C sharp minor op. 39

Robert Schumann (1810-1856)
Faschingsschwank aus Wien op.26
--------------------o--------------------
Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)
Fantasia in C minor K. 475

Sergej Rachmaninoff (1873-1943)
Piano Sonata n°2 in B flat minor op. 36

I biglietti sono disponibili con quote di sottoscrizione da
20-30-50-80-100-130€ a sostegno del
progetto pediatrico Vidas 

destinato a bambini e ragazzi affetti da malattie inguaribili e alle loro famiglie.
Informazioni e prenotazioni su www.vidas.it
oppure scrivendo a segreteria.eventi@vidas.it,
telefonando ai numeri 02 72511.209/211
o presso la sede di Corso Italia 17 (dal lunedì al venerdì, 9-17).

"Incontri con la Musica a Casa Giannini: il 24 febbraio la giornalista Lia Mintrone dialogherà con Rita Lopez, autrice del libro" Vie d'uscita" (Florestano Edizioni).



INCONTRI CON LA MUSICA

LIA MINTRONE presenta RITA LOPEZ
Venerdì 24 febbraio la giornalista Lia Mintrone dialogherà con Rita Lopez, autrice del libro “Vie d’uscita” (Florestano Edizioni)  
Marianna, operaia alla manifattura dei Tabacchi; Sara, adolescente sulle cui giovani spalle si abbatte un dolore troppo grande;Davide, giovane promessa del rock cresciuto tra le acciaierie di Taranto.
Sono solo alcuni dei personaggi che compongono l’esercito degli uomini e delle donne di cui mai sentiremo parlare, ma che pure esistono,
fremono di vita, sembrano non avere vie d’uscita e che invece meravigliosamente reagiscono.
È grazie alla musica che essi trovano “la salvezza”. Ma la musica è solo uno strumento. La sinfonia più sublime, l’arte eccelsa, sta tutta nei pugni stretti, nelle teste alte, nel gesto rituale e guerresco del rimboccarsi le maniche. Il loro slancio vitale, la loro vocazione a vivere con coraggio, fa di loro degli eroi.“No, niente supereroi, anzi personaggi della porta accanto, ma capaci di trasformare la loro esistenza quotidiana in un’impresa grazie a forza di carattere, coraggio, determinazione che arricchisce ogni loro gesto e ogni loro azione”. (F. Bolelli su Repubblica di Milano).

Domenica 26 febbraio Concerto Gospel con il "Joyful Chorus" per le Domeniche dell'EurOrchestra in San Carlo Borromeo a Bari.


Domenica 26 Febbraio Concerto Gospel con il “Joyful Chorus”,
per le  Domeniche dell’EurOrchestra in San Carlo Borromeo, a ingresso libero. Domenica 26 Febbraio , per “Le Domeniche in Musica “dell’EurOrchestra ,si terrà nella Chiesa di San Carlo Borromeo, alle ore 20, a ingresso libero, il concerto dal titolo “Gospel e Spiritual" del “The Joyful Chorus for Maria Grazia Baldassarre”una formazione diretta dal Maestro Roberto Angiulo, specializzata nella esecuzione dei classici dello spirituale nel genere black.    
Per informazioni 3284475514   3406474749  0805744559direzione@eurorchestra.it
Segreteria@eurorchestra.it

mercoledì 22 febbraio 2017

Lina Sastri il prossimo 27 maggio propone al Petruzzelli "Appunti di Viaggio" per la Camerata Musicale Barese.


Ancora un “Evento Straordinario Fuori Abbonamento” della Camerata Musicale Barese il 27 maggio prossimo al Teatro Petruzzelli:  Lina Sastri (nella foto) in APPUNTI DI VIAGGIO uno spettacolo in prosa e musica ideato dalla stessa attrice.
Un racconto libero,  dal debutto in Masaniello, alle prime esperienze teatrali con Eduardo e Patroni Griffi, al cinema, alla musica, all’invenzione del suo teatro musicale e cosi’, di volta in volta, il racconto si anima di citazioni di prosa, da Filumena di Eduardo a Pirandello … a La casa di Ninetta, della stessa attrice autrice.
Ma soprattutto di musica, da Assaie scritta da Pino Daniele per il film “Mi manda Picone”, alla Madonna de Lu Carmine di Roberto De Simone dello spettacolo Masaniello che l’ha vista debuttare, da Reginella cantata per la prima volta a Cinecittà in una serata evento dedicata alla commemorazione di Anna Magnani, a Maruzzella, nel primo cd di classici napoletani, da Gratias a la Vida di Violeta Parra, del primo spettacolo scritto e diretto in musica dal titolo “Cuore Mio”, al tango al bolero, alle tammurriate popolari, dai classici napoletani dell’ultimo spettacolo Linapolina, agli inediti brani scritti per lei dai nuovi compositori e autori napoletani che sono stati il tessuto dello spettacolo per la strada …
Un viaggio nell’anima che ogni sera si rinnova liberamente, sull’onda dell’emozione, delle parole e della musica.
Lina Sastri  ha collezionato una serie di riconoscimenti come il Premio Ubu e il Premio Curcio, passando dai classici al musical e al teatro moderno. Nel cinema ha lavorato con registi come Nanni Loy e Nanni Moretti per «Ecce Bombo», Carlo Lizzani e Bernardo Bertolucci e «Baarìa» di Giuseppe Tornatore vincendo tre David di Donatello e due Nastri d'Argento. In televisione, come attrice protagonista, ha recitato in varie fiction, da «La Bibbia» a «Santa Rita da Cascia», da «Don Bosco» a «San Pietro», da «Nati ieri» ad «Assunta Spina».
A proposito del suo rapporto con la musica Lina Sastri ha detto: «Per me la musica è qualcosa di molto fisico, un po' come la recitazione. Non sono, però, una cantante tout court: salire su un palco, cantare e basta non mi appartiene». E a proposito di Roma che per lei, napoletana d'origine, è stata ed è una seconda patria dove ovviamente lavora: «Roma è un luogo importante anche perché rimanda al suo incontro artistico con una grande attrice
del passato: Anna Magnani. Non l'ho mai conosciuta di persona, ma la considero un po' la mia madrina musicale”.
Per i Soci della 75ª Stagione sono previste riduzioni sul costo dei biglietti.

Prenotazioni presso  gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 oltre che sul sito internet www.cameratamusicalebarese.it 

Presentazione giovedì 23 febbraio dei concerti che il Coro del Faro diretto da Paolo Lepore terrà a Conversano il 2 marzo alla presenza di tutti i sindaci delle aree colpite dal terremoto.


Giovedì 23 febbraio alle ore 11,00 presso la Sala Giunta del Palazzo di Città del Comune di Bari si terrà la conferenza stampa di presentazione dei concerti che il Coro del Faro, diretto dal M° Paolo Lepore (nella foto), dedicherà alle Città colpite dal terremoto (con raccolta fondi).
I concerti  si terranno a Conversano il 2 marzo 2017 (presso la Cattedrale) e a Terlizzi (luogo e data da definire), il 18 marzo ad Ascoli Piceno nella Sala della Ragione presso Palazzo dei Capitani alla presenza di tutti i Sindaci delle aree colpite dal terremoto.

Valorizzare e aprire al territorio il sistema bibliotecario delle realtà comunali attraverso la dotazione di nuovi strumenti, servizi digitali e reti wifi.


Valorizzare e aprire al territorio il sistema bibliotecario delle realtà comunali attraverso la dotazione di nuovi beni strumentali, servizi digitali e reti wifi, possibilità per cittadini e turisti di iscriversi alla piattaforma MLOL (MediaLibraryOnLine) offrendo consultazione di ebook, quotidiani, musica, audiolibri, film e banche dati, ma ancheaccessibilità e fruibilità delle risorse digitali delle biblioteche da qualunque postazione, da casa, in mobilità, dalle scuole ecc..
Sono queste alcune delle novità del progetto “La rete delle biblioteche comunali del Polo SBN (Servizio Bibliotecario Nazionale) Terra di Bari” realizzato dalla Città metropolitana di Bari e presentato, questa mattina, ai sindaci e ai referenti delle trenta biblioteche comunali presenti sul territorio, dalla consigliera metropolitana delegata ai Beni culturali, Francesca Pietroforte, dal referente dell’unità di progetto Pianificazione Strategica, Luigi Ranieri, e dal Dirigente del Servizio Beni e Attività culturali, Clara Gelao.
Il progetto, dell’importo di oltre 400 mila euro, rientra nell’ambito degli interventi finanziati dal Patto per lo sviluppo della Città metropolitana, siglato il 17 maggio dello scorso anno con il Governo nazionale, e finalizzati alla realizzazione di infrastrutture e servizi innovativi per le smart cities.
Tra le novità c’è la possibilità da parte dell’utente di iscriversi al portale MLOL, attraverso una qualunque biblioteca in rete, ed accedere a risorse digitali in italiano e lingua straniera non solo da una postazione in biblioteca, ma anche in remoto.
Un nuovo approccio verso le biblioteche che possono diventare un vero e proprio brand per un territorio – ha affermato Francesca Pietroforte, consigliera metropolitana delegata ai beni culturali -. L’obiettivo è quello di coinvolgere nei servizi offerti dalle biblioteche la più ampia fetta di cittadini, ma anche di turisti attraverso nuove e più moderne strategie di promozione della lettura e di valorizzazione dei nostri attrattori culturali”.

Per la stagione di danza contemporanea a Bari realizzata dal Teatro Pubblico Pugliese il 23 febbraio va in scena "Studio sulla purezza" di Angelo Petracca.


Per la stagione di danza contemporanea del Comune di Bari realizzata dal Teatro Pubblico Pugliese in collaborazione con Teatri di Bari e Altradanza, domani, mercoledì 23 febbraio, al Nuovo Teatro Abeliano di Bari in scena tre coreografie
Studio sulla Purezza”, di Angelo Petracca; con Alessandra Gaeta, Maristella Tanzi e Vita Stasolla (Compagnia AltraDanza) – durata circa 30 min. Progetto Fuga”, di Fabrizio Delle Grazie; con Claudia Gesmundo, Marica Resta, Giulietta Sorino, Daniela Stea, Vera Sticchi (Compagnia AltraDanza) – durata circa 30 min. Parte Seconda” di e con Rosellina Goffredo (Compagnia Menhir) – durata circa 25 min. Questa volta l’approfondimento col pubblico sarà incentrato sul tema ‘Il sostegno produttivo ai giovani autori”, a cura di Domenico Iannone, Direttore della Compagnia AltraDanza. Porta ore 20.30. Spettacolo ore 21.00

martedì 21 febbraio 2017

Il 23 e 24 febbraio Giovanni Rinaldi dirige L'Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana a Bari e Castellana Grotte con la partecipazione di Pierluigi Camicia al pianoforte.


Giovedì 23 febbraio 2017, alle ore 21.00, presso il Nicolaus Hotel di Bari (Via Cardinale Agostino Ciasca, 27) l’Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana, si esibirà in un concerto diretto dal maestro, Giovanni Rinaldi (nella foto) e con la partecipazione di Pierluigi Camicia al pianoforte.
I biglietti si acquistano la sera del concerto presso il Nicolaus Hotel al costo di €10,00 (intero) e € 5,00 (ridotto e per studenti under 18, universitari e di Conservatorio, over 65, dipendenti dell' Ente, dipendenti pubblici iscritti a circoli ricreativi).
In programma l’esecuzione dei seguenti brani: Luigi Cherubini Loidiska Ouverture,Nino Rota Concerto soirée per pianoforte e orchestra e Charles Gounod Sinfonia n. 1.
Il concerto sarà replicato venerdì 24 febbraio, alle ore 20.00, nella Chiesa madre di San Leone Magno (largo San Leone Magno, 37) a Castellana Grotte (ingresso libero).

Venerdì 24 febbraio sarà il musicologo e conduttore radiofonico Michele Dall'Ongaro a tenere una conversazione sull'opera Manon Lescaut di Puccini, che andrà in scena al Petruzzelli il prossimo 4 marzo.


Venerdì 24 febbraio alle 19.00, nel foyer del Teatro Petruzzelli, sarà Michele Dall’Ongaro, musicologo, conduttore radiofonico e televisivo, Presidente e Sovrintendente dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a tenere la “Conversazione sull’Opera” dedicata a Manon Lescaut. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti. 
La prima del capolavoro di Puccini è in programma sabato 4 marzo alle 18.00 al Teatro Petruzzelli, per la regia di Stephen Medcalf. 
Dirigerà l’Orchestra del Teatro Petruzzelli Giuseppe La Malfa, maestro del Coro della Fondazione Petruzzelli Fabrizio Cassi. 
A curare le scene ed i costumi Jamie Vartan, il disegno luci Simon Corder. 
L’allestimento scenico è della Fondazione Teatro Regio di Parma. 
Daranno vita all’opera: Maria Pia Piscitelli (Manon Lescaut 4/7/9/12 marzo), Tiziana Caruso (Manon Lescaut 6/8/10/13 marzo), Francesco Anile (Renato De Grieux 4/7/9/12 marzo), Sung Kyu Park (Renato De Grieux 6/8/10/13 marzo), Leo An (Lescaut 4/7/9/12 marzo), Filippo Polinelli (Lescaut 6/8/10/13 marzo), Domenico Colaianni (Geronte di Ravoir), Marco Ciaponi (Edmondo), Murat Can Guvem (Un lampionaio), Elena Traversi (Un musico), Alberto Comes (Un oste), Gianluca Bocchino (Il maestro di ballo), Raffaele Raffio (Un sergente degli arcieri), Federico Cavarzan (Il comandante di Marina). 
Il dramma lirico in quattro atti su libretto di Luigi Illica, Marco Praga, Domenico Oliva, Ruggero Leoncavallo, fu rappresentato per la prima volta al Teatro Regio di Torino il primo febbraio 1893. 
In replica lunedì 6, martedì 7, mercoledì 8, giovedì 9 e venerdì 10 marzo alle 20.30, domenica 12 marzo alle 18.00 e lunedì 13 marzo alle 20.30. 
I biglietti sono in vendita al botteghino del Teatro Petruzzelli e on line su www.bookingshow.it.
Informazioni: 080.975.28.10.


Il prossimo 23 febbraio a Casa Giannini secondo appuntamento degli Incontri con la Musica 2017 curati da Adele Boghetich.



Giovedì 23 febbraio
Secondo appuntamento degli "Incontri con la Musica 2017", organizzati in collaborazione con l'ACIT-Bari dal titolo: 
Il poeta racconta. Verità e poesia nei romanzi di Thomas Mann
curati da Adele Boghetich
Thomas Mann: Morte a Venezia
L’Artista alla ricerca dell’eterno.
 Morte a Venezia (1913) è il dramma di un “eroe della rinuncia”. Lo scrittore Gustav von Aschenbach – la cui figura è intagliata da Thomas Mann sui tratti somatici e caratteriali del musicista Gustav Mahler – si aggira solitario per una Venezia sfatta e livida alla ricerca di una credibile ragione di vita. La troverà nella bellezza del giovane psicagogo Tadzio, che guiderà la sua anima fino alla visione dell’eterno.
Nel 1971 Luchino Visconti ne realizzerà un intenso film drammatico con musiche di Mahler, secondo atto della “trilogia” tedesca con La caduta degli dei (1969) e Ludwig (1972).   
CASA GIANNINI ore 18,30

Giovedì 23 febbraio c'è un nuovo appuntamento con '900 & oltre con il Quintetto Anemos presso il Teatro di Monfalcone.



La stagione musicale del Teatro Comunale di Monfalcone prosegue, giovedì 23 febbraio alle 20.45, con un nuovo appuntamento di ‘900&oltre, la rassegna dedicata alla produzione musicale contemporanea e al Novecento storico. Protagonista del concerto è il Quintetto Anemos, quintetto a fiati nato nel 2008 dall'impegno di cinque giovani musicisti friulani desiderosi di cimentarsi con il vasto repertorio per fiati (Anna Govetto al flauto, Andrea Martinella all’oboe, Carlo Pinardi al clarinetto, Fabio Forgiarini al corno e Paolo Dreosto al fagotto).
L’Anemos, che ha al suo attivo un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero, si è già imposto a diversi concorsi internazionali ed è stato scelto dal CIDIM (Comitato Nazionale Italiano Musica) per la circuitazione concertistica in Italia dedicata a giovani solisti ed ensemble.
Il programma che presenta al Comunale offre un’interessante panoramica della letteratura europea per quintetto a fiati del ‘900, con pagine di Nino Rota, Jacques Ibert, György Ligeti, Malcolm Arnold, Darius Milhaud e Paul Hindemith. A completare il programma, un brano contemporaneo in prima esecuzione assoluta: Alba di un respiro, della giovane compositrice Maria Beatrice Orlando, classe 1991, diplomata al Conservatorio “Tomadini” di Udine, che attualmente frequenta il Biennio specialistico in composizione e il Triennio in pianoforte.
Il concerto del Quintetto Anemos è realizzato in collaborazione con il CIDIM e la Fondazione Friuli. 
La serata si apre nel segno di Nino Rota, compositore dalla grande creatività melodica, particolarmente fecondo nella realizzazione di colonne sonore (La dolce vita di Fellini, Il Gattopardo di Visconti e Il Padrino di Coppola fra le altre), Premio Oscar nel 1974 per Il Padrino Parte II. Nell’ambito della sua ricca produzione cameristica, il branoPiccola offerta musicale per quintetto di fiati, che nel titolo riprende il celebre capolavoro di J. S. Bach, è del 1943, pressoché contemporaneo alle prime colonne sonore composte da Rota per la casa cinematografica Lux.
Di Jacques Ibert vengono eseguiti Trois Pièces brèves (1930), fra le più schiette espressioni della personalità artistica del compositore, che affiancano la sua predilezione per gli strumenti a fiato alla passione per il mondo del teatro. I tre pezzi, infatti, derivano dalla musica composta per una pièce teatrale del drammaturgo George Farquhar,The Beaux’ Stratagem (Le Stratagème des roués).
Del compositore ungherese György Ligeti vengono invece eseguite le giovanili Sechs Bagatellen, scritte nel 1953 e strettamente imparentate con Musica Ricercata, undici pezzi per pianoforte che ben rappresentano l’acquisita consapevolezza stilistica del primo Ligeti. Le Sechs Bagatellen, come Musica Ricercata, subirono gli effetti repressivi della censura, tanto che le prime esecuzioni integrali avvennero appena nel 1969 in Svezia.
Three Shanties op. 4 è la prima opera da camera di Malcolm Arnold, compositore, trombettista e direttore d’orchestra inglese che si dedicò anche alle colonne sonore (fra le altre quella di Un ponte sul fiume Kwai, che gli valse il Premio Oscar nel 1957). Nei Three Shanties, composti nel 1943, ogni movimento cita un diverso canto marinaro.
Darius Milhaud si dedicò a ogni genere di musica: sinfonica e da camera, operistica e per balletto, teatrale e cinematografica. La cheminée du Roi René op. 205, composta nel 1939, è tratta dalle musiche scritte per il filmCavalcade d’amour, del regista Raymond Bernard. Dalla colonna sonora, ricca di riferimenti alla vocalità rinascimentale e ai modi gregoriani, fu ricavata una breve suite in sette movimenti.
A chiudere il concerto è Kleine Kammermusik für fünf Bläser op. 24 n. 2 di Paul Hindemith, vero e proprio divertissement per fiati ricco di suggestioni jazzistiche (Hindemith si apre con piacere febbrile agli influssi del jazz, fondendo il linguaggio ritmico dei complessi americani, dediti all’improvvisazione, con il suo istinto musicale) e stravinskiane, specie quelle che gli derivano dai lavori maggiori del grande compositore russo. 
Nell'ambito di "Dietro le quinte", alle 20.00 al Bar del Teatro, avrà luogo una breve presentazione del concerto a cura degli artisti e della compositrice Maria Beatrice Orlando. 
Biglietti in vendita presso: Biglietteria del Teatro, Biblioteca Comunale di Monfalcone, ERT di Udine, prevendite Vivaticket e on line su www.vivaticket.it. La Biglietteria del Teatro accetta prenotazioni telefoniche (0481 494 664).