venerdì 28 aprile 2017

Sabato 29 aprile appuntamento con l'itinerario "passeggiata per Bari" organizzato da PugliArte.


Gentili amici di PugliArte,
vi ricordiamo le bellissime visite di questo fine settimana. Potrete trovare le iniziative a Bari anche sul nostro portale www.pugliarte.it nella sezione "Calendario Visite". Per restare costantemente aggiornati su tutte le nostre attività culturali seguiteci anche sui social: sulle pagine Fb PugliArte e Bari Archeologica
Sabato 29 ore 18.00 appuntamento con l’itinerario “Passeggiata per Bari”. Un viaggio nella storia, nei monumenti e nei palazzi più importanti del nostro centro storico. Scopriremo l’interno di Palazzo Tanzi e tante curiosità.
Punto di incontro: Piazza del Ferrarese
P.za del Ferrarese, P.za Mercantile, Chiesa di Sant’Anna, Palazzo Tanzi e Zizzi, Basilica di San Nicola (nella foto), Cattedrale di San Sabino
Costo: 8 euro - Prenotazioni a info@pugliarte.
Domenica 30 ore 10.30 appuntamento con l’itinerario “Bari Archeologica”. Alla scoperta dei SOTTERRANEI DELLA NOSTRA BARI. Un percorso che attraverso i secoli, dalla città imperiale romana a quella rinascimentale, documenta le evidenze architettoniche e archeologiche che attestano la millenaria storia di Bari. Partendo dalle perdute mura bizantine, esploreremo la periferia del nostro centro antico, con i quartieri ebraico e armeno
Punto di incontro: Largo Chiurlia
Palazzo Simi (chiesa bizantina),Cattedrale di San Sabino (succorpo con museo archeologico),Santa Maria del Buonconsiglio (tappeto musivo del X sec.)
Costo: 7 euro + 3 di ingresso al succorpo - Prenotazione info@pugliarte.it

Durante la visita guidata sarà possibile acquistare il volume "Bari Nostra: tra arte e leggende" con gli itinerari di Arco in Arco ed Edicole Votive al costo di 5 euro.

Amakheru Duo la giovane compagine italiana composta dal tenore Francesco Santoli e dal pianista Simone Di Crescenzo debutta al Regio di Parma il prossimo 7 maggio in un nuovo progetto concertistico dal titolo "STILE LIBERTY".


Amakheru Duo (nella foto), la giovane compagine italiana composta dal tenore Francesco Santoli e dal pianista Simone Di Crescenzo, debutta a Parma nella magnifica cornice del Teatro Regio in un nuovo progetto concertistico dal titolo “STILE LIBERTY”. Il concerto, inserito nella rassegna Musica in Circolo e promosso dall’Associazione Rinascimento 2.0, si svolgerà domenica 7 maggio alle ore 11:00. Amakheru Duo, già da tempo impegnato nella riscoperta del Belcanto vocale da camera italiano, propone in questa occasione un florilegio di rarità e brani più noti, compiendo un salto nel periodo della Belle Époque. Tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento i salotti aristocratici divennero l’ambiente prediletto di ritrovo per giovani artisti, letterati, filosofi, intellettuali e musicisti. Questo cenacolo favorì l’incontro di tante personalità emergenti, che -tra l’altro- avrebbero poi lasciato una traccia significativa nella storia della musica vocale da camera. Il risultato di questa fusione artistica permise di ottenere una stretta e profonda compenetrazione fra testo poetico e musica. Spinti anche dalle avanguardie d’Oltralpe, artisti e compositori diedero a questi incontri musicali un’atmosfera in cui la spensieratezza e la freschezza di fine secolo si accompagnava ad un modo spregiudicato e creativo di comporre, giocando con nuovi temi, forme, immagini e sentimenti. Il concerto “STILE LIBERTY” intende rievocare le suggestioni e le sensazioni che la musica di quegli anni ricorda. Il programma prevede l’esecuzione di Romanze e Serenate tratte dagli album di Ruggero Leoncavallo, Giacomo Puccini e Pietro Mascagni; Liriche da camera su testo poetico d’autore come quelle nate dalla collaborazione tra Francesco Paolo Tosti e Gabriele D’Annunzio; Arie in stile antico di Stefano Donaudy ed autentiche rarità composte da Luigi Denza, Ernesto De Curtis e Giuseppe Silvestri.

giovedì 27 aprile 2017

Ultimi tre grandi appuntamenti al Petruzzelli per la stagione "Gold" della Camerata Musicale Barese.


Ultimi tre grandi appuntamenti  al Teatro Petruzzelli,  in esclusiva regionale, per la chiusura della 75ª Stagione “Gold” della Camerata Musicale Barese. Il 22 maggio l’ Omaggio a Fabrizio De André  con “Amore che vieni, amore che vai”: eccellenti nomi del jazz faranno rivivere  sul palcoscenico le emozioni e l’intensità delle storie narrate dal poeta e cantautore genovese. Sette artisti di grande spessore reinterpreteranno le ballate dell’indimenticabile Faber, coniugando sensibilità e provenienze musicali diverse: la voce e la chitarra di Cristina Donà, Rita Marcotulli al pianoforte, Enzo Pietropaoli al contrabbasso, Fabrizio Bosso alla tromba, Javier Girotto al sax, Saverio Lanza alla chitarra elettrica e Cristiano Calcagnile alla batteria e percussioni.
Gran parte del repertorio sarà dedicato alle donne, genere per il quale De André ha composto i suoi brani più struggenti. Storie dalla profonda umanità, istantanee di vita, anche di sofferenza e degrado, sempre trattate con profondo rispetto e delicatezza, senza mai cedere al giudizio.
Una carrellata di figure e personaggi simbolici, da Maria a Bocca di Rosa, rimasti nella memoria musicale del nostro tempo, che rivivranno grazie all’intensa interpretazione canora di Cristina Donà, accompagnata dagli altri suoi straordinari compagni di viaggio.
Paul Eluard ha scritto: "ci sono parole che aiutano a vivere e sono parole innocenti” e le parole dedicate da Faber alle donne sono tutte parole innocenti.
E saranno ancora due donne di grande talento le protagoniste degli eventi che porteranno alla conclusione di Stagione: Lina Sastri (nella foto) ed Eleonora Abbagnato, che racconteranno, ciascuna attraverso il proprio linguaggio artistico, la propria vita dedicata all’Arte.
Appuntamento rispettivamente il 27 maggio e il 10 giugno.
Lina Sastri  chiuderà la serie degli “Eventi  Straordinari” fuori abbonamento con “Appunti di Viaggio”.
Lo spettacolo di Lina Sastri sarà un viaggio nel teatro, nella musica e nel cinema italiano, attraverso i racconti di vita vissuta, di incontri indimenticabili con i grandi Artisti del nostro paese, da Eduardo fino a Pino Daniele,  brani poetici e di drammaturgia di grandi autori e registi, brani musicali della grande tradizione classica napoletana e internazionale, tutto liberamente e semplicemente proposto da Lina Sastri, accompagnata in scena dai valentissimi musicisti (tutti solisti) pronti a seguirla ad ogni invito, suggerimento musicale e indimenticabili melodie napoletane.
Fin dall’Ottocento le ballerine italiane mandavano in visibilio gli spettatori del Palais Garnier e, al giorno d’oggi, l’italiana Eleonora Abbagnato è tra le Etoiles più amate del grande tempio della danza parigino. Al contempo direttrice del ballo al Teatro dell’Opera di Roma, la grande danzatrice tesse in maniera sempre più stretta le sinergie tra i due grandi teatri e approderà a Bari  con le “Stelle dell’Opéra di Parigi e dell’Opera di Roma” in uno spettacolo curato da Daniele Cipriani. 
In arrivo da Parigi le étoiles Benjamin Pech, Audric Bezard, mentre da Roma un gruppo nutrito di talenti italiani tra cui Rebecca Bianchi, Sara Loro, Alessio Rezza e Michele Satriano, oltre ad un     nutrito Corpo di ballo.
In programma tra l’altro lo “Stabat Mater” di Antonio Vivaldi con coreografie di Benjamin Pech, danzato da Eleonora Abbagnato e dallo stesso Pech ed il III atto de la “Raymonda” su musica di
A. Glazunov su coreografia di R. Nureyev.
Con questo appuntamento d’eccezione si chiude in bellezza la 75ª Stagione “Gold” della Camerata Musicale Barese.
L’allestimento della nuova Stagione, la 76ª,  procede a gran ritmo, e si annuncia molto variegato nelle sue linee tradizionali della Concertistica, Eventi Speciali, Jazz e Teatro Musicale.
Sono in corso le prenotazioni degli abbonamenti della 75ª Stagione, come anche prenotazioni per i nuovi iscritti per i quali sono in corso particolari promozioni.

Prenotazioni per tutti gli spettacoli presso  gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 oltre che sul sito internet www.cameratamusicalebarese.it e presso il Box Office c/o La Feltrinelli e il Botteghino Teatro Petruzzelli.

Le protagoniste della giornata di domani al Bif&st 2017.


Saranno Fanny Ardant, Margarethe Von Trotta, Claudia Cardinale e Valeria Bruni Tedeschi (nella foto) le protagoniste della giornata di domani al Bif&st 2017.
Tra gli appuntamenti la proiezione pomeridiana al Petruzzelli di "Nobili bugie" di Antonio Pisu, interpretato dalla Cardinale e da Giancarlo Giannini. Domani anche l'incontro con Jaques Perrin e Ugo Gregoretti, all'interno della sezione "Cinema e Storia" e la tavola rotonda organizzata dal Creative Europe Desk Media Italia sul settore dell'animazione.

Sabato 29 aprile al Teatro van Westerhout di Mola di Bari in esclusiva nazionale si esibisce il Patagonien Quartett.


Una formazione tra due mondi che tra due mondi musicalmente si muove. È il Patagonien Quartett (nella foto),  gruppo musicale formato nel 2011 a Vienna da quattro musicisti latino-americani che l’Agìmus (Associazione Giovanni Padovano Iniziative Musicali) ospita sabato 29 aprile (ore 21), al Teatro Van Westerhout di Mola di Bari, in esclusiva nazionaleper la sezione primaverile delle Stagioni 2017 dirette da Piero Rotolo nella rete Orfeo Futuro (info 368.568412).
Il Patagonien Quartett reinterpreta la musica popolare sudamericana attraverso una chiave di lettura che affonda le radici nella tradizione classica europea. Dunque, una rivisitazione legata all’ambiente nel quale i quattro componenti si sono formati, come testimonia l’album del debutto ohne Grenzen, ohne Sorgen (Senza Confini, senza preoccupazioni), dal quale prende il titolo questo concerto, che l’Agìmus propone in esclusiva nazionale in collaborazione con la Tim Competition, il Trofeo internazionale di musica che ha visto il gruppo affermarsi nel 2016.
Questa ricerca ha portato Christian Kausel (violino), Daygoro Serón (violoncello), Franco Hernàndez (basso) e Alejandro Lopez (chitarra) a consolidare un vasto repertorio che spazia dalla musica latino-americana allo swing degli anni Venti, Trenta e Quaranta, al rock e al pop che va dagli anni Sessanta ai Novanta, con escursione nel repertorio dei Queen e degli Zeppelin. Tutta la musica eseguita dal Patagonien Quartett è scritta da Daygoro Seron e comprende arrangiamenti originali che conferiscono al quartetto un sound unico e caratteristico. Il Patagonien Quartett è già riuscito a conquistare un considerevole spazio all’interno della scena musicale austriaca. Un risultato straordinario è stato conseguito nel 2013 con la nomination della Fondazione Yehudi Menuhin nella categoria Live Music Now – Wien.

Stasera andrà in scena "Prospettiva Nevskij" al Teatro Garibaldi di Bisceglie. Protagonista la brava danzatrice Raffaella Giordano.


Il Teatro Garibaldi di Bisceglie fra giovedì 27 e domenica 30 aprile propone la terza edizione di Prospettiva Nevskij: densissima rassegna dedicata alle frontiere della danza contemporanea.
Ad aprire la rassegna oggi alle 19.00, nella suggestiva cornice della Chiesa di Santa Croce, la presenza di Raffaella Giordano (nella foto), certamente una delle figure più autorevoli della danza contemporanea italiana, fondatrice della Sosta Palmizi e già danzatrice di Pina Bausch. Particolarissimo il suo contributo: non uno spettacolo, né uno studio, ma la possibilità d’incrociare un processo creativo che assume un libro come riferimento (J.A.Baker, L’estate della collina Ed. Gea Schirò 2008) e si alimenta d’incontri come quello in programma. A seguire e a raccontare la fertilità creativa di questa mitica compagnia, una “filiazione”, quella di Elisabetta Lauro e César Augusto Cuenca Torres, che presentano (zero)alle 21.00, nel teatro comunale, alla ricerca di quel punto mediano tra il negativo e il positivo, tra ciò che è prima e ciò che è dopo.
DOMANI Venerdì 28 (ULTIMO SPETTACOLO IN ABBONAMENTO) è la volta del sorprendente Ezio Schiavulli, giovanissimo coreografo e danzatore pugliese. In scena quattro danzatori sostenuti dal vivo dal gruppo etno-folk U'munacidde. Nel contrasto tra l‘astrazione e il concreto, la creazione musicale ispirata da canti e suoni della Murgia incrocia una coreografia travolgente, animata da quell‘energia meridionale che attraverso il ritmo nutre la follia.
La Giornata Internazionale della Danzasabato 29, diventa poi l’occasione per mischiare professionisti e non in un vorticoso Girodidanza. Fra Santa Croce, Garibaldi e il rinnovato salone dell’Epass si alterneranno le giovani danzatrici/allieve di Libero Corpo guidate da maestri come Simona Bertozzi,Maud De La Purification, Michele Di Stefano e lo stesso De Leo, e le opere di Maria Francesca Guerra, Equilibrio Dinamico, Maristella Tanzi Sonenalé. Mentre scuole di danza e di ballo, liberi cittadini e amanti del tango, saranno tutti invitati ad abitare le piazze e le strade intorno, per festeggiare l’arte del movimento e le sue mille espressioni. Infine, in chiusura, domenica 30Etra, rassegna delle scuole di danza del territorio.

Info: 080.3957803 – 371.1189956 - sistemagaribaldi@gmail.com

Sabato 29 aprile Elisabetta Aloia è protagonista in "Piccole donne crescono" di Louisa May Alcott per la terza edizione del ciclo "Leggere le fiabe" nella Casa delle Culture a Mola di Bari.


Favole di sabato pomeriggio alla Casa delle Culture di Mola di Bari (Palazzo San Domenico - ex Municipio), dove con Elisabetta Aloia (nella foto) in «Piccole donne crescono» di Louisa May Alcott, sabato 29 aprile (ore 17.30) prosegue la terza edizione del ciclo «Leggere le fiabe» curato dalla Compagnia Diaghilev nell’ambito del Progetto Arti_fici/Bollenti Spriti promosso dal Comune di Mola di Bari Assessorato alla Cultura, dalla Regione Puglia Assessorato alle Politiche Giovanili e dall’Unione Europea.

Proseguirà il prossimo 4 maggio la rassegna primaverile della Camerata Musicale Barese "Dedicato a..." con un concerto del Duo Pianistico Biagio Finamore e Carlo Angione, che eseguiranno la trascrizione di Hugo Ulrich della Terza e della Quarta Sinfonia di Beethoven.


Proseguirà giovedì 4 maggio  la rassegna primaverile della Camerata “Dedicato a..” con  un concerto del duo pianistico Biagio Finamore  e Carlo Angione (nella foto).  Inizio ore 20.45 all’Auditorium Vallisa. La rassegna quest’anno celebra il genio di Ludwig Van Beethoven, attraverso l’esecuzione delle sue celebri Nove Sinfonie, nella trascrizione per pianoforte a quattro mani di Hugo Ulrich.
In programma la Sinfonia n. 3 in mi bem. magg. op.55 Eroica e la Sinfonia n.4 in si bem. magg. op.60.
Il duo pianistico è un emergente gruppo da camera che, incoraggiato dai Maestri Emanuele Arciuli e Angela Montemurro, ha iniziato un’intensa attività artistica già nel 2013. Nello stesso anno ha vinto il secondo premio al “Concorso Internazionale di Musica - Pietro Argento” (Gioia del Colle) e il primo premio al “Concorso Pianistico  Internazionale - Città di Rocchetta”.  Recentemente ha vinto il primo premio con menzione speciale d’onore al “Concorso Internazionale di Musica – Città di Treviso”, ed è stato invitato ad esibirsi nell’ambito di un importante Festival internazionale di giovani musicisti che si è tenuto, sempre a Treviso, tra ottobre 2014 e marzo 2015, dove ha registrato un disco. Nel maggio 2014 il duo ha vinto il primo premio al “Concorso internazionale di musica - Euterpe” (Corato/Bari). Il Duo è stato anche selezionato per le finali del “T.I.M. - Torneo Internazionale di Musica”, che si sono tenute a Parigi nel giugno 2014, e per le finali del “Concorso nazionale di musica - Società Umanitaria”, che si sono tenute a Milano nell’ottobre 2014, classificandosi come semifinalista in entrambe le manifestazioni. Tra le più recenti esibizioni del duo spiccano due recital nelle edizioni 2014 – 2015 di Piano City  (Napoli) ed un recital promosso dall’associazione “Amici della Musica A. Speranza” di Taranto. Nel maggio 2015 il duo ha vinto il primo premio al “Concorso A.M.A. Calabria” (Lamezia Terme/Catanzaro). Nel 2016 il Duo è stato impegnato in un doppio recital per il “Ravello Festival” oltre che per un progetto di sonorizzazione live del film muto “Histoire d’un Pierrot” di Baldassarre Negroni (1913), versione cinematografica della pantomima in 3 atti di Fernand Beissier musicata da Mario Pasquale Costa. Accanto al repertorio più tradizionale il duo suona moltissima musica del ‘900 e del nostro tempo, ed è stato di recente coinvolto dal pianista Emanuele Arciuli nel progetto “Embracing the universe – percorsi di musica americana contemporanea”. Il duo sta ampliando e approfondendo lo studio del repertorio con Bruno Canino presso la Scuola di Musica di Fiesole e con Emanuele Arciuli presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari. Recentemente artisti del calibro di Emanuele Arciuli, Roberto Cappello e Bruno Canino hanno rivolto al duo espressione di elogio e di grande stima.

Costo del biglietto d’ingresso 12  euro, ingresso giovani fino a 25 anni 5 euro.
Per informazioni e/o prenotazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese, Via Sparano 141 infotel 080/5211908


mercoledì 26 aprile 2017

Il prossimo 29 aprile l'Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana diretta da Giovanni Pelliccia si esibirà con la partecipazione della violinista Myriam Dal Don nella Chiesa Maria Santissima Addolorata di Bari. Musiche di Mendelssohn, Max Bruch e Franz Schubert.


Sabato 29 aprile 2017, alle ore 20.30, nella chiesa Maria Santissima Addolorata a Bari (Via Giulio Petroni, 125), l’Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana si esibirà in un concerto diretto dal maestro, Giovanni Pelliccia (nella foto), e con la partecipazione della violinista, Myriam Dal Don.   
In programma brani di Felix MENDELSSOHN: “La bella Melusina” Ouverture op. 32Max BRUCH: Concerto n. 1 in sol minore per violino e orchestra op. 26 e Franz SCHUBERT: Sinfonia n. 4 “ La Tragica” in do minore D. 417.
Il concerto è ad ingresso libero.

Il prossimo 27 aprile la cantante Teresa De Sio si esibisce al Teatro Orfeo di Taranto per "Gli Amici della Musica Arcangelo Speranza".


«La Puglia patria del ritmo, Napoli della melodia: preparatevi che a Taranto giovedì facciamo i botti». Con un video Teresa De Sio (nella foto) saluta gli amici tarantini e pugliesi in vista del concerto al Teatro Orfeo del 27 aprile (ore 21) per gli Amici della Musica Arcangelo Speranza. «Vi aspetto tutti con il cuore in mano», dice l’artista, che nel capoluogo ionico dà il via al suo nuovo tour «Teresa canta Pino», dal nome del recente omaggio discografico della cantautrice al compianto artista napoletano.
Un tour e un disco pensati come un «progetto devozionale». Il cd contiene quindici brani di Daniele riletti in chiave personale e un brano inedito, «‘O jammone», ossia "il capo", scritto dalla stessa De Sio in ricordo dell’amico, da sempre visto come il più grande artista napoletano. Al disco, hanno preso parte anche Niccolò Fabi, voce nel brano «Un angolo di cielo», e il coro dei ragazzi dell’Istituto Melissa Bassi di Scampia, protagonista in «Napule è». Completano la tracklist fanno parte anche «‘O Scarrafone», «Bella ‘mbriana», «Je so’ pazza (Je so’ pazzo)», «Lazzari felici», «Serenata a fronn’ e limone», «Quanno chiove», «Notte che se ne va», «Un angolo di cielo», «Fatte ‘na pizza», «Chi tiene ‘o mare», «Ninnananinnanoè», «Tutta n’ata storia», «Alleria» e «Viento».
Ricco di energia, musica, colori e contaminazione musicale, in cui il folk si fonde con il blues e i ritmi contemporanei, il concerto è - a sua volta - diviso in due parti: una interamente dedicata a Pino Daniele e un’altra nella quale Teresa De Sio ripercorre la propria carriera interpretando i suoi grandi successi, da «Vogl' e' turnà» ad «Aum Aum», fino alle attualissime «Brigantessa e ‘o Paraviso ‘nterra», attraverso un crescendo musicale fortemente coinvolgente e con un travolgente finale a sorpresa.
            Ad accompagnare Teresa una line-up d'eccezione con Sasà Flauto (direzione musicale e chitarre), H.E.R. (violino), Pasquale Angelini (batteria), Francesco Santalucia (tastiere), Vittorio Longobardi (basso) e Claudio Giusti (fiati).
Il concerto, prodotto e distribuito da AreaLive per la produzione esecutiva di Romeo Grosso, si annuncia di grande impatto scenico e musicale, un evento unico ed irripetibile, come ogni live dell’artista napoletana. Tra l’altro, il tour gode dell'alto patrocinio della Pino Daniele Trust Onlus, l'ente no profit creato in suo nome, la cui missione è quella di valorizzare il grande patrimonio artistico ed umano lasciatoci dall’artista napoletano con iniziative di interesse culturale in ambito musicale, lo studio della musica e della sua contaminazione nelle culture del pianeta. Altro importante sostegno è quello di CMC - Campania Music Commission - associazione  che ha lo scopo di valorizzare e rilanciare il territorio campano, i suoi beni culturali e le sue professionalità attraverso la musica in tutte le sue declinazioni.

Il Teatro Garibaldi di Bisceglie fra giovedì 27 e domenica 30 aprile propone la terza edizione di "Prospettiva Nevskìj: densissima rassegna dedicata alle frontiere della danza contemporanea.


Il Teatro Garibaldi di Bisceglie fra giovedì 27 e domenica 30 aprile propone la terza edizione di Prospettiva Nevskij: densissima rassegna dedicata alle frontiere della danza contemporanea.
Ad aprire la rassegna, alle 19.00, nella suggestiva cornice della Chiesa di Santa Croce, la presenza di Raffaella Giordano (nella foto), certamente una delle figure più autorevoli della danza contemporanea italiana, fondatrice della Sosta Palmizi e già danzatrice di Pina Bausch. Particolarissimo il suo contributo: non uno spettacolo, né uno studio, ma la possibilità d’incrociare un processo creativo che assume un libro come riferimento (J.A.Baker, L’estate della collina Ed. Gea Schirò 2008) e si alimenta d’incontri come quello in programma. A seguire e a raccontare la fertilità creativa di questa mitica compagnia, una “filiazione”, quella di Elisabetta Lauro e César Augusto Cuenca Torres, che presentano (zero)alle 21.00, nel teatro comunale, alla ricerca di quel punto mediano tra il negativo e il positivo, tra ciò che è prima e ciò che è dopo. 
Venerdì 28 è la volta del sorprendente Ezio Schiavulli, giovanissimo coreografo e danzatore pugliese. In scena quattro danzatori sostenuti dal vivo dal gruppo etno-folk U'munacidde. Nel contrasto tra l‘astrazione e il concreto, la creazione musicale ispirata da canti e suoni della Murgia incrocia una coreografia travolgente, animata da quell‘energia meridionale che attraverso il ritmo nutre la follia. La Giornata Internazionale della Danzasabato 29, diventa poi l’occasione per mischiare professionisti e non in un vorticoso Girodidanza. Fra Santa Croce, Garibaldi e il rinnovato salone dell’Epass si alterneranno le giovani danzatrici/allieve di Libero Corpo guidate da maestri come Simona Bertozzi,Maud De La Purification, Michele Di Stefano e lo stesso De Leo, e le opere di Maria Francesca Guerra, Equilibrio Dinamico, Maristella Tanzi Sonenalé. Mentre scuole di danza e di ballo, liberi cittadini e amanti del tango, saranno tutti invitati ad abitare le piazze e le strade intorno, per festeggiare l’arte del movimento e le sue mille espressioni. Infine, in chiusura, domenica 30Etra, rassegna delle scuole di danza del territorio.
Straordinarie le offerte di botteghino. Grazie allo strutturale sostegno del Teatro Pubblico Pugliese e della Città di Bisceglie, sono tutte volte alla promozione di quest’arte, con ridottissimi a partire da 6,00€ per operatori del settore e scuole di danza, ma anche per abbonati e soci del partner Linea d’Onda.
Info: 080.3957803 – 371.1189956 - sistemagaribaldi@gmail.com

la rassegna

giovedì 27 aprile
ore 19.00 / Complesso di Santa Croce
Sosta Palmizi/Raffaella Giordano
SOLO VOCE SOLARE
appunti per Natura
ospiti di Raffaella Giordano
musica Arturo Annecchino
esecuzione tecnica Piermarco Lunghi

L’opportunità d’incontrare un lavoro in divenire. La grande danzatrice-coreografa accoglie all’interno del suo processo creativo lo sguardo dello spettatore. Un libro come riferimento: J.A.Baker, L’estate della collina (Ed. Gea Schirò 2008) e di mezzo gli incontri con Arturo Annecchino, Danio Manfredini, Joelle Bouvier. Non uno spettacolo, né uno studio. In scena frammenti del mondo naturale. Il viaggiatore discende nel linguaggio tra le sue più minute articolazioni e l’io diventa solo il punto d’origine della visione.

ore 21.00 / Teatro Garibaldi
Compagnia Cuenca Lauro/Sosta Palmizi
(ZERO)
di/con Elisabetta Lauro, César Augusto Cuenca Torres
assistenza alla creazione Gennaro Lauro
produzione Fondazione Musica per Roma e Cuenca/Lauro
co-produzione Associazione Sosta Palmizi, Associazione Invito alla Danza, Festival Oriente Occidente
Anticorpi XL 2014-15 - Visionari-Kilowatt 2015 - Premio Equilibrio Roma 2015

(Zero) è il punto mediano tra il negativo e il positivo, tra ciò che è prima e ciò che è dopo. Presenza indicibile che, a differenza del passato o del futuro, non si lascia raccontare né progettare. Eppure oscillando tra memoria e immaginazione noi ci ostiniamo a ricercare e simulare una sua apparente stabilità. Su questo terreno malfermo ciascuno può avvertire, se attento, la presenza di un sottile e costante movimento interiore che ci accompagna e a tratti diventa così intenso e tangibile che non è più possibile ignorarlo.

venerdì 28 aprile
ore 21,00 / Teatro Garibaldi (in abbonamento)       
Compagnia EZ3 – Ezio Schiavulli
NÊTE JINTE O PECCIÖNE DE LA TÈRRE (nato tra le cosce della terra)
concezione generale Michele Ardito & Ezio Schiavulli
percorso sonoro, live U’munacidde
costumi K.brunEEL, Donatella Scarati
danzatori Palmiriana Sibilia, Gabriele Montaruli, Verdiano Cassone, Ezio Schiavulli

È sorprendente il movimento di pubblico che questo spettacolo ha generato e il lavoro di promozione della danza che Ezio Schiavulli ha saputo animare. In scena quattro danzatori sostenuti dal vivo, dal gruppo etno-folk U'munacidde. Nel contrasto tra l‘astrazione e il concreto, una creazione musicale ispirata da canti e suoni della Murgia, incrocia una coreografia travolgente, animata da quell‘energia meridionale che attraverso il ritmo nutre la follia.

sabato 29 aprile
GIROdiDANZA

ore 18.00 / Garibaldi di sopra
Libero Corpo/Giulio De Leo
MAGIC CIRCLE_02
coreografia di Giulio De Leo

Il cerchio, luogo primordiale di ritualità e figura cardine nella storia della danza, anima un movimento intimo e crescente. Nel contatto con l’altro il confine diventa luogo di un’esperienza sensoriale che unisce in una visione meno individualistica dello spazio e del tempo. La simmetria dei movimenti tradisce l’esclusività del rapporto frontale e narcisistico fra il soggetto e l’immagine riflessa in un altro corpo e accade così che, nella vicinanza estrema, il contatto animi una carnalità corale limpida che vince l’osceno rivelandone la purezza.

Libero Corpo/Simona Bertozzi
PROMETEO: ARCHITETTURA_Bisceglie
ideazione Simona Bertozzi, Marcello Briguglio

Quinto dei sei quadri dedicati da Simona Bertozzi al Prometeo, propone la condivisione di uno spazio occupato dalla necessità di dar vita a immagini, strutture d’azione, visioni e proiezioni. Vi succedono micro narrazioni in cui la testimonianza depositata dai corpi rivela una specie in crescita e se da un lato si assiste all’architettura di fraseggi definiti, reiterati e rimodulati, dall’altro sopraggiungono mobilità e gradazioni di calore prodotte dal dialogo, in un quadro coreografico che rinegozia ogni volta le sue prospettive, accordando il suo titolo alle città in cui prende forma.

ore 19.00 Piazza Regina Margherita
Maria Francesca Guerra
ELECTRIC COUNTERPOINT
ideazione coreografica: Maria Francesca Guerra
chitarra elettrica e live electronics: Simone Spinaci
danza e materiale coreografico: Lisa Massani, Olimpia Fortuni, Maria Francesca Guerra
vetrina della giovane danza d’autore - Azione del Network Anticorpi XL coordinata dall’Associazione Cantieri

Nell’esecuzione musicale del chitarrista Simone Spinaci, s’inserisce l'ideazione coreutica di Maria Francesca Guerra per tre danzatrici. Dall'interazione dei due linguaggi nasce una pièce inedita, una nuova interpreta- zione della famosa composizione di Steve Reich, nella versione per chitarra sola. La musica incalzante e ipnotica trasporta l’immaginario in un’ambientazione metropolitana in cui ritmi e movimenti del micro e macro cosmo coesistono influenzandosi reciprocamente e creando intrecci ritmici e visivi.

ore 19.45 / Complesso di Santa Croce
Equilibrio Dinamico
WALKING AND TALKING
coreografie e set Jiří Pokorný
con Serena Angelini, Nicola De Pascale, Albanese Antonella , Beatrice Netti , Tonia Laterza

Ritratto di un discorso interiore che si moltiplica indagando le regioni della sanità mentale e della follia. Il silenzio contro il pericolo e allo stesso tempo il bisogno di evitare il silenzio, il ricordo, il percorso interiore... Camminando e parlando come se dormissimo e sognassimo.

ore 20.30 / Garibaldi di sopra
QuaLiBò/Maristella Tanzi
SEMPLICE DANZA IN LEVARE
studio di e con Maristella Tanzi
cura del suono Adolfo La Volpe
con il sostegno di Tuscania Danza/Progetti per la Scena

Semplice danza in levare nasce dal desiderio di rigenerare il gesto danzato e ripulirlo dalla narrazione, pur conservando un sottile rimando all’emozione che, in un altro spazio tempo, lo ha generato. Il corpo trova una fisicità diretta e una forma espressiva essenziale. L’emozione si fa spazio agito. Presenza e memoria vengono alleggerite e semplicemente offerte allo sguardo dello spettatore.  

ore 21.00 / Complesso di Santa Croce
Libero Corpo/Maud De La Purification
SOMOS
coreografia di Maud De La Purification
musica aavv

E se inventassimo una formula magica ballata per accedere a dei poteri dimenticati?
E se inventassimo un piccolo rituale con l’intento di celebrare, alleare o semplicemente accedere al potere del momento presente.
All’origine, la danza non è nata con questo proposito?

Libero Corpo/Michele Di Stefano - mk Lab
# METEOROLOGIA (pezzi politici)
coreografia Michele Di Stefano
cura del movimento Biagio Caravano
musica aavv

Brevi pezzi sulla coabitazione e la vicinanza tra i corpi e su ciò che rende la danza un formidabile strumento di conoscenza dell’altro. Soprattutto un percorso di appropriazione dello spazio esterno per dare corpo e ritmo a un’idea molto semplice: la capacità della danza di generare un luogo accogliente, nel quale la danza di qualcun altro possa esistere. L’intento è che lo spazio che ogni corpo proietta all’esterno possa essere percepito come uno spazio di convivenza e invenzione… sulla pura base dei fatti.

ore 21.45 / Centro Epass
Sonenalé
LO SPAZIO DELLE RELAZIONI
progetto e coreografia Riccardo Fusiello con la collaborazione artistica di Agostino Riola
residenza coreografica Aarhus Performing Arts Centre (Danimarca)
con il sostegno di ETRE Lombardia

Ci sono persone con cui parli e che vedi e che tocchi e che stringi, altre che sfiori, altre che spingi. E tu sei tu perché sei un po' di ognuna... Una performance che coinvolge persone comuni di diverse età e provenienza, selezionate tramite una call, istruite alle regole del gioco in un breve incontro, per un lavoro coreografico sul tema delle relazioni umane. Un format che muta con il cambiare delle persone coinvolte, creato per indagare lo spazio tra i corpi e la sua densità emotiva nelle relazioni umane: indagine su quel che appare vuoto.

ore 22.15
FESTA FINALE e azioni estemporanee

Un invito rivolto a chiunque ami la danza, il ballo e voglia adottare una strada, una piazza o anche soltanto il balcone della propria casa. Un'area dedicata al Tango, una alla Salsa e infine una piazza per le danze popolari. Organizzatevi con qualunque supporto audio e portate per strada la vostra passione!

domenica 30 aprile
ore 20,30 / Teatro Garibaldi
InMotion events
ETRA
rassegna delle scuole di danza del territorio
a cura di Roberto Vitelli


ottobre 2016/maggio 2017
Città di Bisceglie/Teatro Pubblico Pugliese/sistemaGaribaldi/Menhir Danza
LIBERO CORPO
formazione coreutica professionale – anno secondo

danzano Libero CorpoAmbra Amoruso, Daniela Amoruso, Teresa Buttari, Roberta D'Azzeo, Serena Facchini, Milena Mastrodonato, Maria Rinaldi, Federica Rò, Theodora Stasinopoulou, Gabriella Todisco, Chiara Zilli.

Unico nel suo genere a sud, sostenuto da Città di Bisceglie e Teatro Pubblico Pugliese, è un percorso biennale di formazione e avviamento professionale nell’area coreutica del “contemporaneo”, confortato dalla collaborazione con Scenario Pubblico, il Centro Nazionale di Produzione della Danza di Catania diretto da Roberto Zappalà, custodito dalla Compagnia Menhir e dalla cura di Giulio De Leo. Piuttosto che simulare un’accademia, Libero Corpo si configura come un laboratorio di ricerca aperto alle influenze del territorio e del tempo, senza rinunciare a una direzione identitaria, definita dal partenariato con una compagnia residente.

coordinamento didattico Rosellina Goffredo, Erika Guastamacchia
coordinamento organizzativo Marina Peschetola, in collaborazione con Puglia Off
con i contributi formativi di Maud De La Purification, Giorgia Maddamma e Sara Bizzoca, Pino Basile, Simona Bertozzi, Michele Di Stefano e Biagio Caravano, Agostino Riola, Carmelo Antonio Zapparrata, Rossana Farinati
in collaborazione con Equilibrio Dinamico, Linea d’Onda, DAB/Esplorare_generazione contemporanea, Azioni in Danza

sistemaGaribaldi
p.zza Regina Margherita - Bisceglie
+39 080.3957803 – 371.1189956


Domani 27 aprile in Vallisa si aprirà per la Camerata Musicale Barese la rassegna dedicata all'esecuzione delle Nove Sinfonie di Beethoven, nella trascrizione a quattro mani di Hugo Ulrich, con il Duo Pianistico formato da Tecla Argentieri e Matteo Emanuele Notarnicola.


“Dedicato a..”, l’annuale rassegna primaverile della Camerata, si aprirà domani giovedì 27 aprile  (ore 20.45) all’ Auditorium   Vallisa  con   il   Duo   Pianistico   formato   da   Tecla   Argentieri  e Matteo  Emanuele Notarnicola (nella foto).
La rassegna è dedicata al genio di Ludwig Van Beethoven, attraverso l’esecuzione delle sue celebri Nove Sinfonie, nella trascrizione per pianoforte a quattro mani di Hugo Ulrich.
Al termine dei propri percorsi di studio condotti all’interno del Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari, Tecla Argentieri e Matteo Emanuele Notarnicola hanno intrapreso lo studio del repertorio per duo pianistico (in entrambe le formazioni, a 4 mani e due pianoforti) dando vita ad una formazione stabile con la quale esplorare le illimitate risorse musicali dello strumento a tastiera. Dopo essersi formati entrambi nella classe della prof. Giovanna Valente, sono stati successivamente ammessi a frequentare i Corsi Speciali di Perfezionamento in Musica da Camera con pianoforte della Scuola di Musica di Fiesole, sotto la guida prestigiosa di Bruno Canino.
In programma la Sinfonia n.1 in do magg. op.21 (1800) e la  Sinfonia n.2 in re magg. Op. 36 (1802).
Secondo appuntamento   giovedì 4 maggio con Biagio Finamore e Carlo Angione  con la Sinfonia n. 3 in mi bem. magg. op.55 Eroica e la Sinfonia n.4 in si bem. magg. op.60. Per informazioni e biglietti gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908,  on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it.


La Masterclass del pianista Michele Marvulli si terrà nella Saletta dell' Auditorium "Nino Rota" a Bari dal 9 al 12 maggio.



































La Masterclass si terrà dal 9 al 12 maggio,
orario 10-13/16-19 nella saletta dell'Auditorium.
Venerdì 12, sempre nella saletta dell'Auditorium,
è previsto il concerto finale degli studenti alle ore 18.
Naturalmente, sono previsti oltre agli effettivi anche gli uditori.
Novità: fra questi ultimi, per volontà di docenti illuminati,
ci saranno studenti di altri strumenti che hanno chiesto e ottenuto l'iscrizione.
Per tutti noi l'occasione sarà un motivo 
per riabbracciare il Maestro,
per ascoltare le sue lezioni e per festeggiarlo.
Nella certezza che questa mail vi sia gradita 
e che vogliate unirvi a noi con affettuose testimonianze sul Maestro,
vi allego il manifesto della Masterclass e vi indico il link al suo sito:

Con lo scrittore e sceneggiatore Andrea Piva giovedì 27 aprile al Cineporto di Foggia si inaugura la seconda edizione di " Librinscena", rassegna curata e moderata da Michele Trecca.


Con lo scrittore e sceneggiatore Andrea Piva (nella foto)giovedì 27 alle 20 al Cineporto di Foggia, s’inaugura la seconda edizione di “Librinscena”, rassegna curata e moderata da Michele Trecca, responsabile della libreria Ubik di Foggia. 
“Librinscena” nasce con l’intento di ascoltare chi il libro lo ha scritto e come ha interagito con chi quel testo lo ha fatto diventare carne e ossa. La letteratura, infatti, è una fonte inesauribile di spunti e spesso le trasposizioni cinematografiche sono in grado di esaltare caratteri e personaggi, dando forma e contorni a ciò che fino ad allora viveva solo nellʼimmaginazione del lettore. Altre volte, la fusione tra scrittura e scena non riesce, e lʼalchimia si rompe. 
Due le novità previste in questa seconda edizione a iniziare da Andrea Piva, già sceneggiatore del cult-movie “Lacapagira” diretto dal fratello Alessando Piva e autore  del libro “L’animale notturno” (Editore Giunti, 2017), che nell’incontro parlerà delle sue esperienze di autore, ma anche della sua esperienza di giocatore professionista di poker. Dopo l’incontro, alle 21.30, seguirà la proiezione del film “Lacapagira” (1999). 
La seconda novità è rappresentata dall’incursione della rassegna nelle serie televisive. Protagonista della serata, domenica 7 alle 19.30, sarà lo scrittore e sceneggiatore Antonio Manzini, autore della serie tv “Rocco Schiavone diretta da Michele Soavi e interpretato dall’attore Marco Giallini. La serie è tratta da due racconti brevi e quattro romanzi di Manzini, incentrati sul personaggio immaginario letterario del vicequestore Rocco Schiavone. Alle 21seguirà la proiezione della prima puntata trasmessa l’anno scorso da Rai 2. 
Il terzo appuntamento, in programma giovedì 11 alle 20, è con la scrittrice Anna Pavignano, autrice del romanzo “In bilico sul mare” (Edizioni E/O) dal quale è stato tratto il film “Sul mare” diretto da Alessandro D’Alatri (2010). Il film, che sarà proiettato alle 21.30 dopo l’incontro, racconta una bella storia di sentimenti, possibili tragedie e iniziazione alla vita. Pavignano è la sceneggiatrice storica dei film di Massimo Troisi (candidata all’Oscar per la sceneggiatura de “Il Postino”). 
L’ultimo appuntamento di “Librinscena”, giovedì 25 alle 20, è con lo scrittore, sceneggiatore e regista Ivan Cotroneo. Anche l’autore napoletano parlerà della sua esperienza di autore e, in particolare, del romanzo “Un bacio” (Bompiani, 2010) dal quale l’anno scorso Cotroneo ha realizzato l’omonimo film. In chiusura di serata, alle 21.30, visione del film “Un bacio”, terzo lavoro da regista di Ivan Cotroneo.  
“Librinscena” è una rassegna finanziata da Apulia Film Commission, nell’ambito del progetto Cineporti di Puglia a valere su risorse del PCon lo scrittore e sceneggiatore Andrea Piva, giovedì 27 alle 20 al Cineporto di Foggia, s’inaugura la seconda edizione di “Librinscena”, rassegna curata e moderata da Michele Trecca, responsabile della libreria Ubik di Foggia.
 “Librinscena” nasce con l’intento di ascoltare chi il libro lo ha scritto e come ha interagito con chi quel testo lo ha fatto diventare carne e ossa. La letteratura, infatti, è una fonte inesauribile di spunti e spesso le trasposizioni cinematografiche sono in grado di esaltare caratteri e personaggi, dando forma e contorni a ciò che fino ad allora viveva solo nellʼimmaginazione del lettore. Altre volte, la fusione tra scrittura e scena non riesce, e lʼalchimia si rompe. 
Due le novità previste in questa seconda edizione a iniziare da Andrea Piva, già sceneggiatore del cult-movie “Lacapagira” diretto dal fratello Alessando Piva e autore  del libro “L’animale notturno” (Editore Giunti, 2017), che nell’incontro parlerà delle sue esperienze di autore, ma anche della sua esperienza di giocatore professionista di poker. Dopo l’incontro, alle 21.30, seguirà la proiezione del film “Lacapagira” (1999).

La seconda novità è rappresentata dall’incursione della rassegna nelle serie televisive. Protagonista della serata, domenica 7 alle 19.30, sarà lo scrittore e sceneggiatore Antonio Manzini, autore della serie tv “Rocco Schiavone diretta da Michele Soavi e interpretato dall’attore Marco Giallini. La serie è tratta da due racconti brevi e quattro romanzi di Manzini, incentrati sul personaggio immaginario letterario del vicequestore Rocco Schiavone. Alle 21seguirà la proiezione della prima puntata trasmessa l’anno scorso da Rai 2. 
Il terzo appuntamento, in programma giovedì 11 alle 20, è con la scrittrice Anna Pavignano, autrice del romanzo “In bilico sul mare” (Edizioni E/O) dal quale è stato tratto il film “Sul mare” diretto da Alessandro D’Alatri (2010). Il film, che sarà proiettato alle 21.30 dopo l’incontro, racconta una bella storia di sentimenti, possibili tragedie e iniziazione alla vita. Pavignano è la sceneggiatrice storica dei film di Massimo Troisi (candidata all’Oscar per la sceneggiatura de “Il Postino”). 
L’ultimo appuntamento di “Librinscena”, giovedì 25 alle 20, è con lo scrittore, sceneggiatore e regista Ivan Cotroneo. Anche l’autore napoletano parlerà della sua esperienza di autore e, in particolare, del romanzo “Un bacio” (Bompiani, 2010) dal quale l’anno scorso Cotroneo ha realizzato l’omonimo film. In chiusura di serata, alle 21.30, visione del film “Un bacio”, terzo lavoro da regista di Ivan Cotroneo.   
“Librinscena” è una rassegna finanziata da Apulia Film Commission, nell’ambito del progetto Cineporti di Puglia a valere su risorse del POR Puglia FESR 2014-2020 Obiettivo tematico 6”.

Tutte le serate sono a ingresso libero.
 OR Puglia FESR 2014-2020 Obiettivo tematico 6”. 
Tutte le serate sono a ingresso libero.